FRATELLI OCHNER

Dove sei: Homepage > Promozione > Artisti e compagnie > FRATELLI OCHNER

Contatti

Sito web

3385282963/3394837870

Fratelli Ochner Compagnia Fratelli Ochner è una Compagnia che ha come finalità principale la produzione di spettacoli teatrali rivolti ad un pubblico popolare.

Crediamo che il teatro debba essere facilmente comprensibile da tutti con un linguaggio in sintonia con i tempi in cui viviamo.

Tutto questo ce lo ha insegnato l’esperienza in Strada ( dove nasciamo) e il lavoro di Animazione Teatrale che da anni portiamo avanti con il mondo della scuola.

I nostri lavori hanno come linguaggio prevalente quello del Circo, lasciandoci però attraversare dal Teatro d’attore e da quello di figura, cercando di creare drammaturgie immediate , semplici ma non banali.

Oltre all’attività di spettacolo realizziamo eventi su richiesta, formazione attraverso il teatro e le tecniche circensi, regie a compagnie e gruppi, workshop, cortometraggi e video.

Siamo presenti sulla scena e sulla strada Italiana dal 1996, oltre ad alcune collaborazioni e partecipazioni all’estero.

I Fratelli Ochner sono Alberto Barbi Paolo La Torre e Lara Quaglia, ognuno con una propria specificità e competenza, distinti in esperienze e collaborazioni, uniti da una poetica stralunata, visionaria, immaginifica




Compagnia FRATELLI OCHNER



MISSION

Fratelli Ochner è una Compagnia di circo e teatro di strada che ha come finalità principale la produzione di spettacoli teatrali rivolti ad un pubblico popolare, eterogeneo e diversificato. Crediamo che il teatro debba essere facilmente comprensibile da tutti con un linguaggio in sintonia con i tempi in cui viviamo. Tutto questo ce l’ha insegnato l’esperienza in strada (dove nasciamo) e il lavoro di Animazione Teatrale che da anni portiamo avanti con il mondo della scuola.

I nostri lavori hanno come linguaggio prevalente quello del Circo, lasciandoci però attraversare dal Teatro d'attore e da quello di figura, cercando di creare drammaturgie di facile fruizione.

Oltre all'attività di spettacolo realizziamo eventi su richiesta, e siamo partner in diversi progetti di formazione di adulti bambini e ragazzi attraverso il teatro.



PRESENTAZIONE DELLA COMPAGNIA

Il gruppo Fratelli Ochner nasce nel 1995 dall'incontro tra Alberto Barbi, Marco Pianelli e Paolo la Torre durante uno stage sulle arti di teatro di strada inserito nelle iniziative per le scuole del Comune di Torino. Successivamente si unisce al gruppo Lara Quaglia acrobata aerea e attrice. Sin dai primi spettacoli la compagnia sente l'esigenza di unire le tecniche di teatro di strada con il teatro di parola e la clownerie, basando i loro lavori sulla ricerca drammaturgica e sulle diverse esperienze artistiche da cui provengono. Il teatro di strada, grazie alla propria immediatezza e alla semplicità di rapporto che è in grado di instaurare con il pubblico, nell'intenzione del gruppo diventa forma base per spettacoli creati su storie, su trame che permettano allo spettatore di entrare a contatto con il mondo teatrale, con l'affabulazione, non soltanto con semplici gag. Si ha la necessità di coinvolgere lo spettatore, portandolo ad assumere un ruolo attivo nello spettacolo.

Le loro più recenti produzioni si sono inoltre arricchite di elementi e numeri circensi tanto da venire considerata anche una delle più accreditate compagnie di Nouveau Cirque.

Dal 2000 i Fratelli Ochner si esibiscono in piazze e teatri e partecipano ai festival più importanti in Italia e in Europa.



LINEE PROGETTUALI E ARTISTICHE

Dopo le prime esperienze sulle strade di Torino, e varie esperienze estive in giro esibendosi in minitour a cappello per le strade di tutta Italia e in alcuni paesi europei (Francia e Spagna), nel 1997 presentano i primi loro due spettacoli ufficiali Passato di Clown e Ochner Bazar dove cominciano a trovare le linee essenziali del proprio lavoro di ricerca multidisciplinare tra le varie forme di teatro popolare (al teatro di strada, di parola e alla clowneriè si unisce il mimo e il teatro di figura).

Dal 1997 iniziano a partecipare ai più importanti festival di teatro di strada italiani

Nel 1999 entrano a far parte dell'Associazione Qanat con altri artisti torinesi, conducendo un'opera di divulgazione e studio sul teatro di strada.

Sul sito dell'associazione nasce infatti il primo centro di documentazione sul teatro di strada in Italia. Sempre nello stesso anno debutta Sun Wu Kong (lo scimmiotto magico) uno spettacolo studiato per poter essere rappresentato sia in strada che in teatro e che unisce all'affabulazione tecniche come i trampoli, il fachirismo e la giocoleria. Lo spettacolo viene ospitato anche in manifestazioni di teatro ragazzi di valore regionale e nazionale come il Pifferaio magico organizzato dal Teatro dell'Angolo, Asti Teatro e le manifestazioni collegate al Carnevale di Venezia.

Sempre nel 1999 si unisce al gruppo Lara Quaglia, danzatrice acrobata e attrice di teatro di figura.

Tra il 2000 e il 2002 vengono chiamati a partecipare a varie manifestazioni e concorsi. Aprono le manifestazioni a Caraglio per la Mostra “Dare gioia è un mestiere duro” sul Teatro dei sensibili di Guido Ceronetti, partecipano al festival di Cervia Arrivano dal mare, vincono il primo premio nella categoria innovazione e il premio speciale della critica al Festival dei Guitti di Torino.

L'esigenza di creare spettacoli sempre più completi porta il gruppo alla continua collaborazione con altre realtà (le Onde e la compagnia Pantakin di Venezia con cui partecipano ad un allestimento a carattere circense per la Regata Storica, la compagnia Torino Spettacoli per il teatro ragazzi, La Corte Ospitale di Rubiera (RE)) e al continuo studio e perfezionamento. Tutti gli elementi del gruppo si dedicano allo studio di vari strumenti musicali (tromba, trombone, sassofono, chitarra e basso) e nel 2002 si iscrivono alla scuola di Circo FLIC a Torino e Cirko Vertigo a grugliasco , specializzandosi in equilibrismo e discipline aeree. Da questa esperienza nasce lo Spettacolo Emme in collaborazione con Corrado Calcagno e Andrea Loreni che partecipa a festival di teatro di strada e di circo contemporaneo come In Strada di Chieri (To), Sul filo del circo contemporaneo di Grugliasco (To), il Festival Internazionale di Teatro di Strada di Torino, Oplà di Pedavena (Belluno), Il teatro che cammina di Castel San Pietro (BO), ottenendo ottimi risultati. La ricerca di commistione li porta a partecipare alla vetrina per il teatro di figura del Piemonte dove presentano nel 2003 Ochner Bazar e nel 2004 lo studio, Flabadaba Circus che riceve la menzione della giuria per l'unione innovativa tra teatro di strada, circo e teatro di figura.

Nella stagione 2005 lo stesso, ora diventato spettacolo, è invitato al festival europeo Figurentheater di Wels e al festival Storytelling di Graz, entrambi in Austria. In Italia è selezionato per il festival Una Città per Gioco di Vimercate (MI), Teatro Ragazzi, e all'importante Festival di Arte Contemporanea Sentieri dell'Arte a Garbagnate (MI).

Sempre in questa stagione nasce S.O.S. Soldi opera street uno spettacolo di strada in collaborazione con la compagnia Bandaradàn e la regia di Eugenio Allegri. Lo spettacolo, basato sulle suggestioni dell'Opera da tre soldi di Brecht, vuole portare i personaggi, la situazione e l'analisi sociale tipiche della piecé tra il pubblico più vario in strada.

Il progetto ha vinto il primo premio al bando di concorso Cantieri Urbani patrocinato dalla FNAS Federazione Nazionale Artisti di Strada, circuitando su tutto il territorio nazionale.

Nel 2006 lo stesso spettacolo, ora coprodotto con la Cooperativa Artquarium entra nel cartellone del Teatro Stabile di Torino (Aprile 2006, Teatro Gobetti).

Ad Aprile 2006 partecipano con lo spettacolo Flabadaba Circus alla vetrina per nuove realtà torinesi, il progetto Ri-generazione nel settore Teatro-ragazzi come spettacolo di commistione tra circo-teatro di strada e teatro di figura.

Lara Quaglia e Alberto Barbi si sono esibiti come artisti circensi (discipline aeree e giocoleria) in Carnevale Italiano, cerimonia di chiusura delle Olimpiadi invernali 2006.

Dal 2007 al 2016 continua lo sviluppo di spettacoli solisti come Maria e Rosa e Baulò, per Lara Quaglia, monologhi teatrali come Carnera e la tempesta, La ballata del gregario e spettacoli di illusionismo e magia per Alberto Barbi, Clown in scatola per Paolo La Torre, che partecipano a festival e rassegne in tutta Italia e il lavoro di Compagnia con spettacoli di repertorio e laboratori nelle scuole.

Dal 2010 Lara Quaglia collabora con il Teatro della Tosse di Genova, il Teatro del Pane di Treviso e la Fondazione Mirafiore di Serralunga d’Alba come attrice acrobata e organizzatrice di rassegne per bambini, Alberto Barbi continua la sua collaborazione con la Compagnia Torino Spettacoli, con la compagnia di Marco Cavallaro (ROMA) e con la Musical Academy di Torino come attore e regista, e Paolo La Torre con la scuola di cirko Vertigo come insegnante e performer.

Attualmente la compagnia Fratelli Ochner è partner del Progetto 0-6 “ per fare un bambino ci vuole un villaggio”finanziato dalla Compagnia di San Paolo per il comune di Baldissero Torinese e dell’Associazione Realtà Debora Mancini (Milano) per i laboratori artistico- didattici presso Ludum Design School di Milano.


Spettacoli

PASSATO DI CLOWN

Acrobatica aerea | Clown | Equilibrismo/Funambolismo | Giocoleria | Magia/Illusionismo | Fachirismo | Circo | Visual Comedy |

PASSATO DI CLOWN

Tutela SIAE: no

Uso musica: Sì, registrata

Musica tutelata:

Passato di Clown è uno degli spettacoli che ha fatto conoscere e apprezzare il teatro dei Fratelli Ochner e nasce dalla consapevole unione di clownerie, arti circensi e teatro di strada..
Personaggi stralunati, domatori strampalati, ballerine che compiono acrobazie aeree, pupazzi, giocolieri, equilibristi si avvicenderanno sulla scena, alternando poesia e comicità in un omaggio al vecchio circo.
Uno spettacolo per tutti, adulti e bambini

Genere: teatro di strada e circo

Durata spettacolo: 50 min.
Tempo montaggio: 90 min.
Tempo smontaggio: 60 min.

Flabadaba Circus

Acrobatica aerea | Circo Contemporaneo | Equilibrismo/Funambolismo | Giocoleria | Magia/Illusionismo | Teatro di Figura | Teatro |

Flabadaba Circus

Tutela SIAE: no

Uso musica: Sì, registrata

Musica tutelata:

Un gioco della fantasia, dove oggetti inanimati prendono vita e giocattoli diventano veri.
Due stralunate figure si inseguono giocando. Lei, addestratrice di papere gonfiabili fa acrobazie con tigri peluche e alleva rose tristi, lui è in eterna lotta con valigie indipendenti e porte che non si aprono. Lei danza in una rapsodia di ombrelli e costumi che si trasformano, improbabili animali fantastici, lui tra scatole magiche e incredibili trasformismi e giochi di prestigio, entrambi creando un mondo di gioco e fantasia in cui nulla e ciò che appare. Se poi ai due si aggiunge un leone sbadato e goffo che si crede un supereroe….Il gioco è fatto!
Il circo più scombiccherato del mondo è pronto!
Ombrelli che si trasformano in una giostra, pupazzi giocolieri, leoni equilibristi, papere ballerine, trapezi e corde, sfere di equilibrio, domatori di mani, cantanti che volano appesi per aria e…chi più ne ha più ne metta!

Un circo strampalato, eufemistico, poetico e provvisorio. Un luogo dove i pupazzi si mischiano al circo e in continuo alternarsi di poesia e grottesco, comico ed eleganza sopraffina, gesto tecnico e pura invenzione teatrale, si crea uno spettacolo, che forse è solo un grande gioco tra gli attori e il pubblico, per tornare finalmente tutti un po’ bambini!

Genere: Circo teatro

Durata spettacolo: 50 min.
Tempo montaggio: 90 min.
Tempo smontaggio: 60 min.